Galateo ai tempi dei social network: perché spegnere i cellulari ad un matrimonio

Martedì 17 marzo 2015

galateo applicato alla tecnologia

Scrivo questo post mentre il computer sembra essere, almeno per il momento, l'unico oggetto tecnologico che non mi si vuole rivoltare contro. Iniziando con la macchina per l'espresso impazzita, proseguendo con il mouse deceduto, passando per le frequenze radio sballate, ho concluso con il cellulare che non ha più voluto dare segni vitali.

In attesa di sostituirlo con uno nuovo, ho inizialmente lasciato che il panico prendesse il sopravvento: le spose da seguire, i fornitori da chiamare, gli appuntamenti da organizzare, come faccio adesso??? Non potendo fare altro che aspettare, sto portando avanti altri tipi di compiti, come rispondere a mail (molto) arretrate, fare il punto della situazione sui prossimi matrimoni, programmare gli step da seguire nelle prossime settimane.

Con mia sorpresa, questo lavoro procede in un clima di tranquillità quasi surreale. Qualche macchina che passa sotto casa, il ticchettare dell'orologio ma...nessuno squillo improvviso ad interrompere quello che sto facendo, nessuna notifica, nessun sms a cui rispondere urgentemente. Capiamoci, stare al telefono e rispondere nel più breve tempo possibile ai miei sposi è parte integrante del mio lavoro, ma è anche vero che ogni giorno devo portare avanti in modo parallelo più progetti e poterlo fare senza interruzioni tecnologiche sta dando risultati insperati!

i cellulari che suonano durante la cerimonia: un incubo!

spegnere i cellulari, lo vuole la sposa!

Questo mi fa riflettere su quanto la tecnologia, seppur nata e sviluppata per migliorare la nostra esistenza, possa essere allo stesso tempo invadente e, a volte, fuori luogo. Selfie a ripetizione, Instagram, la fretta di condividere momenti felici sui vari social, l'amico Reflex-dotato che non perde occasione per mettersi alla prova, sono tutte abitudini, ormai consolidate, che ci portando ad estraniarci dal momento che stiamo vivendo.

In un'occasione sociale come il matrimonio, sarebbe bello che gli ospiti si godessero l'evento partecipando con il 100% di loro stessi alla gioia dei propri amici, anziché dividersi tra aggiornamenti di stato e scatti dal backstage. Sembrano abitudini innocue, e in parte lo sono, ma pensa ad una cerimonia dove la metà dei presenti invece di raccogliersi in preghiera quando il rito lo richiede, se ne sta con il braccio alzato per fotografare gli sposi; oppure che la sorella dello sposo si perda lo scambio degli anelli perché troppo impegnata a postare su Facebook l'entrata della sposa o le sue scarpe nuove.

Nel 90% dei casi gli sposi pagano un fotografo affinché si occupi di immortalare i momenti più importanti e documentare il loro giorno speciale, ma sempre più spesso il lavoro di questo professionista che, ripeto, è stato pagato dagli sposi, è ostacolato dall'amico reflex-dotato di cui sopra e dai tanti iPhone dipendenti schierati a mezzaluna attorno all'altare con gli obiettivi puntati, neanche fosse una questione di vita o di morte.

bon ton tecnologico

l'educazione ai tempi dei social network

Parliamo del ristorante? Spose impazzite per riunire attorno allo stesso tavolo persone che abbiano qualcosa in comune, o che possano per lo meno andare d'accordo, per poi vedere sei teste su otto chinate e intente a digitare in continuazione per comunicare con persone lontane. Un po' triste no? Forse anche poco rispettoso di quei due che hanno passato mesi interi cercando di organizzare qualcosa che potesse essere gradevole e divertente per le persone a loro care.

Nessuno chiede di tornare a comunicare con i segnali di fumo, ma cercare di limitare alcune abitudini in certe occasioni, dici che è possibile? Non mi è mai capitato di vederlo in Italia, ma all'estero nessuno si offende se gli sposi decidono di non volere cellulari in azione durante la festa e vogliono essere sicuri che a nessuno parta la suoneria proprio mentre il sacerdote li sta dichiarando marito e moglie. Per comunicarlo utilizzano cartelli e frasi divertenti ed educati, ma che allo stesso tempo non diano adito a fraintendimenti (e poi, come ho scritto nell'eBook gratuito, ogni desiderio della sposa è un ordine no?).

ritirare i cellulari all'inizio della festa?

Un matrimonio è anche l'occasione, per molti amici o familiari, di rivedersi dopo molto tempo: non sarebbe bello dimostrare di apprezzare davvero le ore trascorse in compagnia rinunciando per un po' a collegarsi a Twitter? Il resto delle tue conoscenze può aspettare il giorno dopo per sapere quanto ti sei divertita e quanto stavi bene con quel vestito nuovo...

Tu avresti il coraggio di chiedere ai tuoi ospiti di spegnere il cellulare per un'intera giornata? Cosa faresti se degli sposi esprimessero questo desiderio? Ti è mai successo che il tuo cellulare fosse l'unico a squillare nel bel mezzo di un matrimonio? Raccontami tutto qui sotto nei commenti!

Non perderti gli aggiornamenti!

Iscriviti subito alla newsletter!

Aspetta! C'è dell'altro!

Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!

Grazie per i vostri commenti:

Valeria - La petite Coco

Grande Ilaria! Alla fine basta chiedere...non vedo perché non debbano rispettare questo tuo desiderio!


Ilaria

Ciao Valeria! questo post anticipa le mie intenzioni e mi dà qualche spunto su come gestire la questione. Al mio matrimonio saranno vietate fotografie con i cellulari e tutte le condivisioni sui social fino a momento da decidersi. Credo non mi farò nessun problema a comunicarlo ai miei invitati i quali auspico siano abbastanza intelligenti da comprendere questa mia richiesta! Il fotografo è uno, tutti gli altri... off! :)


Valeria - La petite Coco

Ciao Luca, grazie per il tuo commento! Hai ragione, la cosa migliore è che gli sposi inizino a sottolineare la cosa prima del grande giorno, a scanso di equivoci. I miei post sono spesso estremizzati (ho un senso dell'umorismo tutto mio!), ma davvero credo che almeno durante la cerimonia ci debba essere un po' più di raccoglimento.


Luca Rajna Progetti Fotografici

E' interessante quello che scrivi Valeria. Anche in un recente matrimonio da me fotografato (il 14 febbraio per S. Valentino) mi è capitato proprio un problema col patrigno della sposa: è dietro gli sposi in tutte le inquadrature dello scambio degli anelli col cellulare in mano, purtroppo vestito con una cappottone non precisamente fotogienico, perché quel giorno sul Lago di Como nevicava e nella chiesa di mezza montagna dove è avvenuta la celebrazione non faceva certo caldissimo. Io credo che chiedere agli invitati di non usare mezzi fotografici sia una buona cosa, se così è gradito dagli sposi per i motivi che hai spiegato, ma è importantissimo che l'avviso sia fatto prima del giorno del matrimonio, per evitare delusioni e la presenza macchine fotografiche inutilizzabili al seguito. Poi, che il giorno del matrimonio ci siano le damigelle col cartellone a ricordarlo è una cosa simpaticissima e bella da vedere, ma ripeto, purché non sia una delusione inaspettata per qualcuno degli ospiti. Inoltre, anche se richiesto di non fotografare genericamente, nulla vieta che - ad esempio dal buffet di dolci in avanti - ci sia un tavolo allestito con un album e delle macchine fotografiche a sviluppo istantaneo che tutti gli invitati possono utilizzare; di sicuro non influirà negativamente sui rapporti interpersonali che si vogliono esaltare.


Valeria - La petite Coco

Ciao Elena, grazie per essere passata di qui! Chiedere è lecito, dicono, quindi si potrebbe davvero provare a chiedere questa cortesia agli invitati,. In modo simpatico, come dici tu, e senza servizio d'ordine pronto ad intervenire, magari l'idea piacerà a più persone di quanto pensiamo!


Elena

Ciao Valeria, Innanzitutto grazie per i tuoi preziosi consigli, ti leggo sempre ed ogni volta trovo qualcosa di utile! Il capitolo cellulari è veramente delicato, se da una parte mi piacerebbe lasciargli fotografare i momenti più belli, secondo le le loro emozioni, dall'altra ho paura che potrebbero dar fastidio al fotografo e che potrebbero lasciarsi prendere più dal telefono che dal resto. Detto ciò io li bandirei, in maniera simpatica, ma lo farei!!!!


Images Credits: etsy.com; projectwedding.com; buzzfeed.com; southernweddings.com; ivillage.com.au; ashleyvictoriaphotographyblog.com; 100layercake.com; contextualposts.com

Sono Valeria Ferrari, wedding planner, e sono qui per organizzare il vostro grande giorno. Leggi di più...

I MIEI POST PIÙ LETTI
Vai alla raccolta

IN REGALO PER VOI
Il mio eBook gratuito
Mi sposo, e adesso?
IL MIO CORSO IN AULA
Wedpreneur Weekend

per i professionisti
del mondo wedding

BRIDAL STARTER KIT
TROVA NEL BLOG